08 marzo 2011

Mostra "Gigi Meroni...da quel tiro impossibile alla Balilla"

Sabato 12 marzo 2011, alle ore 10.30, il museo sarà animato da un evento di straordinario valore storico con l'esposizione in forma permanente della mitica Balilla appartenuta a Gigi Meroni, indimenticato campione, scomparso nel fiore della vita il 15 ottobre 1967.
Nel museo esiste già una sala permanente dedicata a Gigi Meroni dove sono esposte, tra tanti cimeli e ricordi, tutte le maglie che ne hanno caratterizzato la carriera sportiva, ovvero quella della Libertas, del Como, del Genoa, del Torino e della Nazionale.
Per quasi mezzo secolo la Balilla è stata custodita e restaurata con amorevole passione grazie all'instancabile dedizione di alcuni amici di infanzia di Gigi come Luigi Nessi e Giampiero Della Torre. L'esposizione museale della Balilla si è infine concretizzata grazie alla disponibilità di Maria Meroni, sorella di Gigi, che ne ha concesso l'affidamento in via permanente.
La Balilla sarà collocata nella sala di Ingresso, la più prestigiosa del Museo.
Per meglio celebrare l'avvenimento sarà inaugurata una mostra nella "sala della memoria" adibita appositamente per le mostre tematiche e resterà aperta, con ingresso libero, fino al 30 di aprile nei consueti orari museali, ovvero sabato dalle 14,00 alle 18.30 e domenica dalle 10,00 alle 18.30. La mostra ha per titolo "GIGI MERONI... da quel tiro impossibile alla Balilla". Anche la data di apertura non è casuale: il 12 marzo del 1967 Gigi Meroni segnò una rete memorabile contro l'Inter. Quel pomeriggio sul prato di San Siro Meroni piantò in asso Facchetti e di destro fece partire un pallonetto a giro che superò Sarti e si insaccò all'incrocio dei pali. "Tra il tiro facile e quello difficile Gigi Meroni sceglie una terza via... il tiro impossibile", così ha scritto di lui Nando Dalla Chiesa.